01

Apr
2021

La Pasqua: tradizioni dal mondo

Postato da:lara/ 161 0

Per molti di noi Pasqua significa stare vicini a chi amiamo, rimpinzarsi di uova di cioccolato e riposarsi, oppure viaggiare verso luoghi sconosciuti. Ma in alcune parti del mondo, questa ricorrenza si festeggia in modi molto curiosi: vi parleremo di alberi di uova colorate, di grandi falò e streghe, ma anche di auto-flagellazione e crocifissioni.

Scopri le tradizioni di Pasqua più strane del mondo!

Italia

Iniziamo dal nostro paese. Qui le giornate cruciali sono 4, con il Giovedì e il Venerdì Santo, la Domenica di Pasqua e il Lunedì di Pasquetta. Nella prima giornata si celebrano i sepolcri, nella seconda si osserva il lutto e il sabato, a mezzanotte, le campane suonano a festa per annunciare la resurrezione. La mattina di Pasqua vi sono molte processioni che rievocano il gioioso incontro fra Gesù e la Madonna, e nelle chiese così come nelle case si raccolgono ramoscelli d’ulivo.

I principali dolci sono la Colomba e le uova di cioccolata.

Germania

Qui la tradizione prevede che per il Giovedì Santo si mangino solo cibi verdi. Il piatto più rappresentativo è la zuppa alle sette erbe, che contiene crescione, dente di leone, erba cipollina, prezzemolo, porro verde, acetosa e spinaci. Per dessert, non troverete le famose uova di cioccolato bensì l’Osterlamm, una torta a forma di agnello spolverata con zucchero a velo, tradizionalmente cucinata in uno stampo di argilla che le conferisce un leggero profumo.

I tedeschi decorano i loro alberi con uova colorate dando vita a vere e proprie piante pasquali, o « Osterstrauch », che riempiono le strade e i giardini di colori annunciando l’arrivo della primavera.

Anche qui le uova la fanno da padrone, ma queste dopo essere state dipinte vengono inserite dentro il Coniglio Pasquale (Osterhase), che viene nascosto per una caccia al tesoro dei bambini nella giornata domenicale.

Il pranzo è a base di agnello.

Svezia

Qui si suole adornare i ramoscelli di betulla con uova dipinte e piume. Pare che questi ramoscelli decorati possano accelerare l’arrivo della primavera. A tavola non possono mancare le uova, purché siano coloratissime, da distribuire ai più piccini a fine pasto.

In Svezia, i bambini si vestono da påskkärringar (streghe di Pasqua): si dipingono il viso, trasportano una scopa e vanno a bussare alle porte dei vicini per riempire il loro sacchetto di caramelle e cioccolato

Questo perché secondo la tradizione svedese, oltre alla resurrezione cristiana questo giorno simboleggia anche la partenza delle streghe verso la Montagna Blu. A Pasqua, gli svedesi decorano le loro case con rami di salice o di betulla e mangiano uno smörgåsbord, una specie di buffet composto da vari piatti come aringa, salmone, patate, uova, polpette, salsicce.

Il dolce tipico è il coniglio di cioccolato.

Finlandia

Qui più che un significato cristiano, si attribuisce alla festa una valenza pagana. I finlandesi credono che gli spiriti maligni vaghino liberamente il sabato prima di Pasqua, per questo durante la giornata accendono grandi falò e si vestono da streghe; la domenica invece i bambini vanno alla ricerca delle uova di cioccolato che i genitori e i membri della famiglia hanno nascosto in giro per la casa (i giardini sono ancora ricoperti di neve…). La domenica si accendono i “Kokko”, grandi falò che respingono le streghe e i magici abitanti dei boschi

Cibi tipici pasquali sono il Pasha, un budino di ricotta, panna, zucchero, burro e uova (boom!), e il Mammi, un budino di segale.

Danimarca

I Danesi nel giorno di Pasqua si cimentano in una caccia al tesoro: le uova sono nascoste dai Conigli (gli adulti), e chi ne trova di più, ne vince uno extra!

Per gli adulti, il tesoro è invece la birra, o meglio la Påskebryg, una versione speciale prodotta solo in questo periodo.

Altra curiosità: a Pasqua tutto è giallo! Tovaglia da tavola, abiti, addobbi, persino le candele!

Spagna

Sarà per la sua storia e tradizione ultra cattolica, ma qui questa festa è molto sentita, e in tutte le regioni si organizzano rievocazioni e processioni in pompa magna che si prolungano per tutta la settimana santa. Penitenti incappucciati (Nazarenos) per le strade, musica, si appendono palme alle finestre contro i maligni: un vero crogiuolo di tradizioni. . Normalmente si tratta di eventi grandiosi e solenni, che richiamano moltissimi visitatori. La festa più celebre  è quella della “Semana Santa” di Siviglia.

La torta tipica si chiama Mona, ma anche questa viene decorata con uova di cioccolato.

Israele

Qui i festeggiamenti sono duplici: c’è infatti la festa cristiana e quella ebraica, il Passah. Nella settimana santa si ripercorre la via Crucis, e il giovedì prima di pasqua si ricorda l’esodo degli ebrei e la liberazione dalla schiavitù d’Egitto.

Romania

I rumeni normalmente festeggiano la Pasqua con la famiglia. Ma se mai vi capiterà di essere invitati a un pranzo di Pasqua in Romania, potrà ricordarvi il giorno del Ringraziamento in America. Il menù tradizionale è composto da 4 o 5 piatti e comprende normalmente una zuppa acida chiamata “ciorba”, insalata, sottaceti, agnello al forno, una torta fatta di carne di fegato d’agnello e molto prezzemolo, chiamata “drob” e infine molte uova dipinte.

Qui, la tradizione pasquale più sentita è senza dubbio la “battaglia delle uova”! Durante la messa di Mezzanotte si festeggia la fine della Quaresima sempre con le uova dipinte, che vengono rotte sbattendole le une contro le altre mentre si ripete un coro di botta e risposta: Hristos a Inviat! (Cristo è risorto) e Adevarat a Inviat! (Veramente è risorto!).

Il mattino di Pasqua poi, la tradizione vuole che ci si lavi la faccia con l’acqua nella quale sono stati messi a mollo un uovo dipinto di rosso e una moneta d’argento: l’uovo rosso simbolizza la salute e la moneta la purezza

Anche qui le case vengono addobbate, si indossano gli abiti nuovi della festa, e i bambini ricevono le uova dipinte. Il menu della festa è a base di ciorba (una zuppa acida), agnello al forno e la torta “drob”, fatta con fegato d’agnello e prezzemolo.

Russia

Nel paese della Vodka si suole celebrare il giorno della Resurrezione con un picnic in famiglia, ma dai connotati piuttosto macabri… sulla tomba di un parente. Il menu, per chi riesce a mandarlo giù, è a base di carne, pesce e funghi. Il fulcro della festa è la città di Sagorsk, perché qui risiede il Pope di Russia, con una processione attorno alla Cattedrale.

Anche qui le uova sode vengono colorate e il dolce della festa è il Kulitch, un panettone con ricotta dolce.

Inghilterra

La Pasqua in Inghilterra ha delle tradizioni molto altruiste, in pieno stile “welfare”. Infatti si presta molta attenzione ai più bisognosi, con offerte di cibo, aiuto agli anziani e lavanda dei piedi.

Anche momenti più spensierati, con la “discesa delle uova” e la “caccia al tesoro”: la prima consiste nel far rotolare dalle collinette dei parchi uova colorate, la seconda nella classica caccia al tesoro, che sono le uova, da parte dei bambini, tra i cespugli e le aiuole dei parchi.

I dolci tipico sono le “Hot Cross Buns”, brioche con cannella e uvetta con una croce di glassa.

Messico

Tradizionalmente un paese molto religioso, e le tradizioni rispecchiano questo aspetto. Il Giovedì Santo infatti si fa un giro di sette chiese per confessare i propri peccati, il Venerdì Santo processioni e rappresentazioni della Passione di Cristo, e il Sabato si mette in scena il Rogo di Giuda, dove viene data alle fiamme una figura di cartone.

Anche qui le uova si colorano e si rompono poi sulla testa degli amici. E’ un segno di augurio.

E la Pasquetta poi… bè, lì è quasi estate, quindi tutti in spiaggia!

Grecia

Qui i riti sono greco-ortodossi. Ed infatti non vi è corrispondenza nel calendario, generalmente qui i festeggiamenti iniziano già il lunedì prima della Quaresima con il volo degli aquiloni.

Il Venerdì Santo si digiuna, il Sabato a mezzanotte il “pope” annuncia la resurrezione e i fedeli accendono una candela che porteranno poi a casa.

Il menu tipico è fatto di dolcetti e pane pasquale, naturalmente le immancabili uova colorate, una zuppa di agnello, la “Maghiritsa” e i “kokoretsi”, interiora alla brace molto simili alle stigghiole palermitane.

Stati Uniti

Tutto sommato in linea con il resto del mondo, anche qui la Pasqua è all’insegna delle uova colorate e della gioia dei bambini. Straordinario l’evento dell’Egg Roll, in cui i bambini sono invitati a entrare nel prato della Casa Bianca per far rotolare le loro uova in una gara di velocità!

Filippine

Nelle Filippine, la settimana di Pasqua si festeggia con processioni per le vie delle città ed una rappresentazione tradizionale chiamata Sinakulo. Durante le processioni, alcuni devoti si autoflagellano e si crocifiggono, un modo singolare per condividere il dolore di Cristo. La domenica, i credenti portano foglie di palma in chiesa per essere benedetti, le stesse foglie che useranno poi per decorare le loro case.

Salvador

Nella località di Texistepeque, in Salvador, i «talcigüines » sono una strana tradizione che interpreta i più rigorosi riti cattolici, rivisitati secondo influenze pagane indigene. Uomini travestiti da diavoli, chiamati appunto «talcigüines», percorrono le strade della città frustrando tutti gli spettatori che incontrano sul loro cammino. Questa battaglia simbolizza la lotta che intraprende Gesù contro la tentazione. Ma chi vincerà questo braccio di ferro? Alla fine i “talcigüines” capitolano di fronte a Gesù e si buttano a terra in segno di sottomissione. Restano per molte ore sotto il sole cocente di mezzogiorno, e i loro familiari li bagnano per evitare che qualcuno si senta male.

Lascia un tuo commento

Per favore inserisci un commento
Per favore inserisci il tuo nome.
Per favore inserisci la tua email.
Per favore inserisci una email valida.