03

Giu
2020

Il mio viaggio in Sudafrica: ecco 11 punti per cui ne vale davvero la pena

Posted By : lara/ 324 0

L’Africa affascina e strega: non per nulla è l’unico continente che contagia con una malattia bellissima “il mal d’Africa”!

Per chi ne è affetto come me, non esiste cura, ma solo piacevoli “ricadute”

Come si può descrivere una nazione che viene definita dai suoi visitatori “Il mondo in un solo Paese”?

Forse la domanda più appropriata sarebbe “cosa si può omettere nella descrizione di un luogo così meraviglioso?”.

In tanti hanno provato a descrivere la bellezza di questa terra: basti pensare al premio Nobel per la letteratura Nadine Gordimer, alle storie affascinanti di Wilburg Smith e ai racconti fantastici di Tolkien che al Sudafrica sono ispirati.

Saranno i paesaggi mozzafiato, sarà il fascino degli animali dei numerosi parchi, sarà la vibrante vita di Cape Town o il colore della cultura della popolazione, o forse, sarà che io e Dario ci siamo sposati proprio a Cape Town, ma è certo che il Sudafrica è uno dei paesi più belli al mondo.

La storia del Sudafrica è costellata da eroi e gesta che hanno reso questo paese il futuro dell’Africa e che, ancora oggi, si riflettono sulla vita dei sudafricani.

Questo è un paese dove le popolazioni hanno imparato a vivere insieme per vivere meglio, dimenticando il triste passato.

È un paese scoperto dai portoghesi, colonizzato da olandesi e inglesi, abitato da Gandhi e liberato dai suoi “veri” abitanti. Le emozioni che si possono vivere dal Kalahari a Cape Town sono ricche di sfumature, come i colori dell’arcobaleno: anche per questo il Sudafrica merita di chiamarsi Rainbow Nation, per citare la celebre definizione coniata dall’arcivescovo Desmond Tutu.

È la nazione dei paesaggi infiniti e degli spettacoli offerti dalla natura; potremmo definirla la Porta d’Africa Australe, essendo un perfetto connubio tra natura, cultura e alto livello dei servizi.

Difficile parlare in poche righe del Sudafrica ma vi voglio svelare in 11 punti, questo incredibile paese, che ha tanti primati:

  • Il più grande diamante al mondo (3106 carati) chiamato The Cullinan è stato trovato qui. Per intenderci una delle 106 pietre in cui è stato tagliato è sullo scettro della Regina d’Inghilterra
  • Qui si trova il più grande astroblema (cratere meteorico) al mondo, con un cratere di circa 300 km di diametro, la distanza da Roma e Bologna
  • In Sudafrica si può percorrere la strada del vino più lunga al mondo, 850 km costeggiata di case in stile olandese e magnifici vigneti
  • È l’unico paese, insieme alla Gran Bretagna, che ha ospitato tutti i mondiali: Rugby, Calcio, Cricket
  • È il paese di due grandi premi Nobel, che hanno vissuto nella strada: Nelson Mandela e l’Arcivescovo Desmond Tutu
  • Ha il primato mondiale per l’innovazione: pochi sanno che a Cape Town nel 1967 fu effettuato il primo trapianto di cuore e che nel 1979 sempre a Cape Town, venne inventata la prima macchina per la TAC, finanziato dalla De Beers, per evitare che i minatori si portassero via i diamanti
  • Nella zona di Sterkfontein ci sono delle grotte considerate dagli antropologi, la prima vera culla dell’Umanità, con resti fino a 4,5 milioni di anni
  • Nella regione dello Mpumalanga si trova il primo calendario astronomico, perfettamente allineato alla longitudine delle piramidi d’Egitto
  • È il pese di uomini incredibili, come Nelson Mandela, Wilbur Smith, Tolkien che ha scritto “Il Signore degli Anelli” ispirandosi ai paesaggi della zona nord. Ma anche la quota rosa sudafricana non è da meno: pensiamo a Charlize Theron, la principessa Charlene di Monaco e Miriam Makeba con la sua canzone “Pata Pata”
  • La natura straordinaria del Sud Africa ospita uno dei 6 regni floreali
  • La grande biodiversità: in un unico safari in Sud Africa possiamo ammirare il mammifero più pensate al mondo, l’uccello più pesante al mondo, il mammifero più alto al mondo, il mammifero più veloce mondo, l’antilope più grande d’Africa e il pesce più grande al mondo. Senza dimenticare che si possono ammirare anche i pinguini

Solo per questi motivi dovremmo preparare le valige e partire!

Leave your comment

Please enter comment.
Please enter your name.
Please enter your email address.
Please enter a valid email address.